CRITICITA’ RELATIVE AI MEDICI SPECIALIZZANDI

CRITICITA’ RELATIVE AI MEDICI SPECIALIZZANDI

  

La protesta degli specializzandi contro il nuovo regolamento in materia di contribuzione studentesca e, precisamente, contro l’aumento dei massimali delle tasse, fino a raggiungere la vetta record in Italia di 3 mila euro, arriva a coinvolgere l’Amministrazione comunale della città di Perugia grazie ad un ordine del giorno promosso dal consigliere dem Tommaso Bori, sostenuto dai colleghi consiglieri Bistocchi, Mirabassi, Vezzosi, Borghesi, Miccioni.

I consiglieri PD chiedono che si proceda con urgenza all’audizione nella commissione consiliare permanente con delega alle questioni universitarie, studentesche e sanitarie di tutte le componenti in causa, nonché alla messa in campo di tutte le azioni idonee a favorire la presenza e la permanenza dei medici specializzandi nella nostra città e a tutelare il percorso lavorativo e formativo di questa figura chiave per la sanità pubblica e per il mondo universitario.

Non solo il nostro ateneo conquista il podio dell’Università pubblica più cara d’Italia, ma non investe in formazione stanziando 0 euro per il bilancio di tutte le Scuole di Specializzazione.

Il tutto in evidente contrasto con il principio di equità, come affermato nel parere contrario del Consiglio degli Studenti, dato che l’aumento sarà per i soli laureati in Medicina e Chirurgia iscritti alle scuole di specializzazione di area sanitaria: scelta, questa, che crea una disparità tra i vari iscritti alle Scuole di Specializzazione e che accresce il malcontento per i mancati investimenti finalizzati a scopi didattici e amministrativi, la chiusura della specializzazione in oncologia medica e l’accreditamento con riserva di altre scuole a rischio.

Dopo un sit-in sotto il Rettorato e lo sciopero dei medici specializzandi che hanno registrato una massiccia adesione continua la mobilitazione dei camici bianchi: più di 500 medici in formazione stanno combattendo una battaglia di equità e in difesa del loro lavoro, apprezzato e riconosciuto da pazienti e cittadini, ma hanno bisogno che le istituzioni si schierino e agiscano per la loro tutela, che altro non è che la tutela di un interesse diffuso a favore della comunità tutta.

Leggi tutto

Parco Chico Mendez: emergenza siringhe, consumo e spaccio di droga in pieno giorno, pubblica illuminazione pessima. Interrogazioni di Emanuela Mori

Parco Chico Mendez: emergenza siringhe, consumo e spaccio di droga in pieno giorno, pubblica illuminazione pessima. Interrogazioni di Emanuela Mori

Il consigliere Emanuela Mori ha presentato due interrogazioni a Sindaco e Giunta che hanno ad oggetto il parco Chico Mendez; in particolare la molto più che carente illuminazione pubblica del parco, che acuisce la percezione di disagio e insicurezza dei cittadini, e i recentissimi eventi di cronaca che hanno interessato lo stesso con il riemergere preponderante del tema della siringhe e del consumo di droga.

Il Parco Chico Mendez, come risaputo, è un parco cittadino, pensato per assicurare uno spazio ricreativo a contatto con la natura per coloro che abitano, lavorano o sostano in uno dei quartieri della c.d. città densa.
Il portale Ambiente della Città di Perugia descrive il verde pubblico come imprescindibile strumento che assolve “a numerose funzioni di importanza primaria per molti aspetti della vita quotidiana” e il parco Chico Mendez risponderebbe in pieno a questi canoni se non fosse per il vergognoso stato di manutenzione in cui versa sia dal punto di vista della cura del verde e delle strutture (panchine, cestini per i rifiuti, staccionate, fontanelle per l’acqua potabile, etc.), sia dal punto di vista delle opere in corso di realizzazione (piazzole per attività fisica, seconda area cani, etc.).
“I fotogrammi pubblicati sui giornali locali di quanto accaduto due domeniche fa al parco Chico Mendez, ci danno l’idea di quanto il tema del consumo di droga, dello spaccio e della presenza di siringhe usate, sia non solo attuale, ma in grado di generare nei cittadini un senso di grande difficoltà reale e percepita. Sono immagini che non possono e non devono lasciare indifferenti e che possiamo definire tremende non solo per la visibilità dell’atto del bucarsi, ma perché si tratta di un parco pubblico, di una domenica pomeriggio e perché sono ragazzi poco più che ventenni che gettano così la loro vita.”
“Ai recenti fatti di cronaca si aggiunge oggi il verificare che oltre 30 su circa 70 lampioni della pubblica illuminazione risultano spenti acuendo di non poco il disagio e la percezione di grande insicurezza per i pochi, temerari utenti, che non vogliono abbandonare il parco. Una mancanza simile non può essere sfuggita! Ben venga il numero verde (800616855) del “Servizio guasti” della pubblica illuminazione predisposto dal Comune di Perugia, anche se gli operatori del call center, non rispondendo da Perugia, ma città di altre regioni, quali Ancona ad esempio, non conoscono per nulla le zone del nostro Comune e palesano estrema difficoltà a localizzare la sede dell’intervento richiesto.”
“Occorre da parte dell’Amministrazione” – precisa il consigliere Emanuela Mori – una diversa presa di coscienza rispetto a quella del governo in emergenza del singolo episodio. Quello del consumo di droga è un fenomeno che si sposta da un quartiere all’altro, a seguito dei controlli, ma che è tuttavia presente. Dobbiamo garantire ai cittadini la possibilità di vivere i parchi e i quartieri in sicurezza, senza sentire la necessità di autotutelarsi. Anche per questi motivi, stare al passo con basilari azioni di prevenzione, come la presenza di una adeguata illuminazione pubblica, risulta essere fondamentale e strategico: oltre all’auspicio di un intervento di manutenzione istantaneo presso il parco Chico Mendez e ovunque ce ne sia necessità, pro futuro ci si aspetta che l’Amministrazione metta a regime un monitoraggio costante di tutte le esigenze da soddisfare per far sì che i parchi siano davvero punto di svago, di ritrovo, di socializzazione al servizio dei quartieri e dei loro utenti”.

 

 

Comunicato Stampa – Nuova interruzione dei lavori di riqualificazione del canile – Emanuela Mori

Comunicato Stampa – Nuova interruzione dei lavori di riqualificazione del canile – Emanuela Mori

“La sezione sanitaria del Canile di Collestrada, di proprietà del Comune di Perugia viene gestito in forma associata dallo stesso Comune in qualità di Capogruppo, e dai Comuni di Corciano, Marsciano, Deruta, Torgiano e Collazzone, gestita in convenzione dalla USL Umbria 1 svolge funzioni di “canile di prima accoglienza” con centinaia di ingressi annui – dichiara il Consigliere Comunale del Partito Democratico Emanuela Mori – Si tratta di una struttura che offre un servizio davvero importante: gli animali vengono tenuti in osservazione per poi essere trasferiti presso il rifugio di affezione o essere riconsegnati ai legittimi proprietari e gli viene garantita loro la dovuta assistenza sanitaria. E’ evidente che necessiti di consistenti lavori finalizzati alla razionalizzazione funzionale della gestione veterinaria. La stessa Regione Umbria aveva, infatti, stanziato un contributo, ma i lavori finalizzati alla riqualificazione della struttura erano partiti con notevole ritardo rispetto al finanziamento regionale”.

Leggi tutto

Comunicato Stampa – TRASPORTO PUBBLICO STUDENTESCO: BORI E BISTOCCHI CHIEDONO AGEVOLAZIONI E GRATUITÀ IN BASE ALL’ISEE

Comunicato Stampa – TRASPORTO PUBBLICO STUDENTESCO: BORI E BISTOCCHI CHIEDONO AGEVOLAZIONI E GRATUITÀ IN BASE ALL’ISEE

“Da oltre 700 anni la nostra città ospita studenti e saperi, il Comune di Perugia deve avere come obiettivo costruire una città a misura di studente” – affermano i Consiglieri Comunali del PD Tommaso Bori e Sarah Bistocchi annunciando una proposta sul tema del trasporto pubblico scolastico e universitario – “La popolazione studentesca è fulcro e motore della vitalità culturale, sociale ed, anche, economica nel territorio di Perugia: l’università degli Studi di Perugia è una delle istituzioni universitarie più stimate del nostro Paese, l’Università per Stranieri è conosciuta anche a livello internazionale, ospita e contribuisce all’istruzione dei tantissimi studenti provenienti dai Paesi esteri, insieme all’Accademia di Belle Arti, il Conservatorio di Musica e l’Istituto internazionale di mediazione linguistica.”

Leggi tutto

Comunicato Stampa – Aggressione a Palazzo Grossi – Bistocchi, Bori, Borghesi, Miccioni, Mirabassi, Ranfa, Vezzosi

Comunicato Stampa – Aggressione a Palazzo Grossi – Bistocchi, Bori, Borghesi, Miccioni, Mirabassi, Ranfa, Vezzosi

Nella mattinata di ieri un cittadino, a quanto pare inquilino degli alloggi Ater, oggetto in questo periodo di un riordino al fine della vendita da parte del Comune di Perugia, è entrato negli uffici comunali di Palazzo Grossi aggredendo un dirigente e colpendo prima di lui altri funzionari incontrati all’interno della struttura.

Leggi tutto

Attivazione Controllo e Garanzia: Progetto Orti Romani

Attivazione Controllo e Garanzia: Progetto Orti Romani

    Il gruppo consiliare Partito Democratico, su iniziativa del consigliere Tommaso Bori, condiviso dai colleghi del gruppo, ha presentato una richiesta di attivazione della commissione Controllo e Garanzia per la verifica della regolarità degli atti inerenti alla cessione di una consistente porzione di area pubblica ad un istituto privato con lo scopo di realizzare un Orto Romano, ovvero un orto didattico. 

L’orto, dopo una solenne inaugurazione, alla presenza di giunta e consiglieri di maggioranza, risulta abbandonato a se stesso, non più utilizzato, con la recinsione divelta in vari punti  che rappresentano pericolosi varchi di accesso dal resto del parco.

Leggi tutto

Comunicato Stampa – Risse in Centro Storico – Gruppo PD

Comunicato Stampa – Risse in Centro Storico – Gruppo PD

All’indomani delle due risse avvenute in Centro è necessario che la città e l’Amministrazione comunale si interroghino sulla sicurezza e sull’ordine pubblico. Il “biglietto da visita” rappresentato dalle bastonate e dalle teste rotte in mezzo alla moltitudine di turisti e di musicofili ha riportato la nostra città alla ribalta nazionale. Purtroppo le colluttazioni dimostrano come il problema sicurezza non si combatte con proclami e post sui social network, ma attraverso una sinergia tra tutti gli attori in campo: forze dell’ordine, Amministrazione comunale ed esercenti.

Leggi tutto

Comunicato Stampa – Degrado, siringhe ed insicurezza in centro storico – Tommaso Bori

Comunicato Stampa – Degrado, siringhe ed insicurezza in centro storico – Tommaso Bori

 

La situazione della sicurezza della città, in particolare del centro storico, è ai limiti del tollerabile. Mentre i quartieri periferici vivono quotidianamente l’incubo dei furti negli appartamenti, i vicoli principali dell’acropoli sono utilizzati da chiunque come vere e proprie latrine. Al di là di questa ormai consolidata usanza e dei relativi problemi di igiene e cattivo odore, l’emergenza che mette in pericolo i cittadini è anche un’altra: percorrendo, infatti, le strade del centro storico ci si imbatte sempre più spesso in siringhe usate ed insanguinate gettate a terra. È di poche sere fa la notizia di 13 siringhe differenti segnalate dai residenti. (in allegato alcune foto).

Leggi tutto

Interrogazione a risposta orale – degrado quartiere Pallotta (Mori)

Oggetto: degrado quartiere Pallotta.

 

Ai sensi dell’art. 68 comma 1 del Regolamento del Consiglio Comunale si interroga la S.V. per avere informazioni:

– circa la sussistenza del seguente fatto:

il quartiere della Pallotta, alcune decine di centinaia di metri che si dipanano da Strada Tuderte fino a Via Campo di Marte, sta vivendo specialmente negli ultimi mesi una condizione di degrado e abbandono senza precedenti.

Leggi tutto

OdG: Riapertura presidio fisso della Polizia di Stato

OdG: Riapertura presidio fisso della Polizia di Stato

Tornare a salvaguardare dal degrado e dalla insicurezza il centro storico di Perugia attraverso la riapertura a regime del presidio fisso di Polizia dello Stato adiacente a piazza Danti: questo il punto focale dell’ordine del giorno presentato da tutto il gruppo consiliare Partito Democratico al Comune di Perugia, primo firmatario Tommaso Bori, che sottolinea a gran voce la necessità di ripristinare l’ “attività di prossimità” svolta dagli agenti a tutela di cittadini, studenti, turisti.

La postazione della Polizia dello Stato Centro Storico, aperta nel settembre 2012, si inserisce nel più ampio quadro dell’accordo “Patto per Perugia Sicura”, stipulato tra Prefettura, Regione, Provincia e Comune teso a mettere in atto una strategia condivisa di azioni concorrenti sul territorio comunale finalizzate soprattutto a incrementare in modo significativo il contrasto alla criminalità anche prevedendo fenomeni di degrado ambientale e di disagio sociale.

I risultati positivi in tema di prevenzione, contrasto e contenimento di diverse specie delittuose hanno fatto si che fosse essenziale sia il rinnovo dell’accordo sia il sostegno alla presenza della Polizia dello Stato all’interno dell’acropoli con l’impegno, per il Comune di Perugia, di provvedere alla copertura dell’importo delle spese di locazione dei locali.

“Attualmente – dichiara il Consigliere Bori – il presidio ha subìto un drastico ridimensionamento: chiusura già nel pomeriggio e notevole riduzione del personale assegnato hanno determinato un repentino cambiamento di scenario in quelle zone del centro da sempre critiche ed un ritorno ad un senso di insicurezza reale e non solo percepita. E’ di pochissimi giorni fa, infatti, l’amara cronaca di episodi di violenza, sfociati in vere e proprie colluttazioni, che fanno tornare a galla timori che cittadini, studenti, commercianti credevano superati. Il presidio fisso non può non essere aperto di sera e non può abdicare, per essere davvero efficace, alla primaria funzione di presidio, pattugliamento, conoscenza e riconoscibilità.”

 

Leggi tutto